Deutsch index
Português brasil

Arte nello spazio pubblico

ngopp o mur_vorstreichen_400breitInterventi artistici nello spazio pubblico offrono un grande potenziale per mostrare squilibri sociali e stimolare dibattiti critici. Troppo spesso solo i proprietari di facciate e di altre superfici nello spazio pubblico, oppure le agenzie di pubblicità decidono il volto delle nostre città – e quindi quello che vediamo sono pareti grigie o pubblicità. I reali utenti, ovvero le persone che percorrono le strade e le piazze ogni giorno o vivono nei rispettivi quartieri, raramente hanno voce in capitolo quando si tratta di creare l’ambiente in cui vivono.

kiezwandbild_skizze-steiger_400breitNei nostri progetti di arte partecipativa, l’ obiettivo è quello di coinvolgere gli abitanti ed utenti dei luoghi in questione il più presto e nel modo più intenso possibile sia nella concezione del progetto, sia nella realizzazione della propria pittura. L’attenzione è sempre sulla condivisione di conoscenze e la sensibilizzazione rispetto alle ingiustizie sociali. Non si tratta solo della funzione decorativa di un murales per ogni quartiere, ma di processi culturali ed educativi comunitari e di mediare modi critici di pensare e fare la società. I murales ora rappresentano le lotte di chi si ribella contro lo sfruttamento capitalistico della città, ora incoraggiano i soggetti marginalizzati aprendo nuovi orizzonti.

ngopp_am-tisch_400breit

Nei laboratori di murales e graffiti incoraggiamo la riflessione e la formazione creativa del proprio ambiente quotidiano.
I partecipanti scoprono non solo le modalità di espressione artistica, ma anche la consapevolezza dell’importanza del coinvolgimento sociale e la partecipazione nella costruzione culturale allo spazio pubblico. Al fine di contribuire ad un approccio differenziato al mondo dei graffiti e della street art, organizziamo workshop pratici di graffiti e conferenze sul tema. Questi vengono progettati in relazione agli interessi, le conoscenze pregresse e l’età del target a cui saranno proposti..

 
Qui vi presentiamo alcuni esempi dei nostri progetti di pittura svolti neegli ultimi anni:

vimeo titel fom Freedom of Movement (Hamburgo, St. Pauli 2015).
Un progetto congiunto con Lampedusa in HH, St. Pauli selber machen!, Reclaim Your City. Lo slogan è legato ai dipinti tradizionali delle case occupate della Hafenstraße, ed anche all’imponente scenario del porto internazionale che rivendica la libera circolazione in primo luogo per le persone e poi per le merci. >>> Video

M39 ausschnitt wandbilder-menue Berlin NOT for sale (Berlin-Kreuzberg)
Una facciata dipinta sul processo di gentrificazione, lo spostamento e le varie forme di resistenza a Kreuzberg, Berlino.

Grazie a Pappsatt per la buona cooperazione e a ReclaimYourCity per le foto!

IMG_1052_bearbeitet_webausschnitt Il Cardillo (Scampia, Napoli)
Nell’agosto 2009, abbiamo dipinto il murales “Il Cardillo” su vari piani della facciata della Vela Celeste a Scampia.

IMG_1324_zugeschnitten_web ‘N gopp ‘o mur’ (Scampia, Napoli)
Nel corso di diversi mesi abbiamo dipinto insieme ad un gruppo di giovani diverse superfici nello spazio pubblico del loro quartiere.

thumbnailEspacio Zapata (Oaxaca, Mexiko)
Nel mese di aprile del 2015, abbiamo incontrato il collettivo d’artisti ASARO ad Oaxaca. Con loro abbiamo dipinto la facciata dell’officina artistica autogestita “Espacio Zapata”.

IMG_1324_zugeschnitten_web Il Quarto Piano (Scampia, Napoli)
In questo progetto, realizzato insieme all’associazione chi rom e… chi no un gruppo di bambini napoletani e rom hanno avuto la possibilità di appropriarsi di un appartamento vuoto e dipingerlo, creando un ambiente personalizzato per il gioco quotidiano.

IMG_2340_zugeschnitten É permesso (Scampia, Napoli)
Nella periferia di Napoli, una comunità Rom vive da generazioni sotto un’autostrada Asse Mediano. Questo progetto simbolicamente apre un pezzo di cielo sopra i insediamenti minacciati dallo sgombero.

thumbnail Menor da Quebrada (San Paolo, Brasil)
Nella primavera del 2015, abbiamo dipinto insieme ad un gruppo di giovani dalla periferia di San Paolo un cortile, e attraverso il processo di pittura abbiamo discusso della vita nel quartiere.